Trattamento FORSU
Impianti Recupero Alluminio | Riciclo Scarti Alimentari | Impianti di Selezione e Recupero Rifiuti

Trattamento FORSU

 

MATERIA PRIMA- (FORSU)                                             

I rifiuti da raccolta differenziata sezione organica (FORSU), racchiudono sottoprodotti biologici derivanti dai rifiuti organici domestici, dai rifiuti organici commerciali, dai ritorni dei negozi, dei supermercati e dagli avanzi dei ristoranti, spesso confezionati in sacchetti di plastica o altro.

I sottoprodotti biologici sono altamente digeribili in processi anaerobici, ideali quindi per le installazioni di biogas. Prima che possa avvenire la digestione anearobica però, è necessario rimuovere la plastica, il metallo, il cartone o altri materiali estranei presenti all’interno del FORSU.

Qualora questi inorganici non vengano rimossi prima di entrare nell’impianto di biogas, si potrebbero verificare problemi durante l’intero processo. Problemi come strati galleggianti che ostacolano la fermentazione o frazioni pesanti causa di intasamenti, usura delle pompe / tubazioni, ecc. Inoltre, gli inorganici, non essendo digeriti, impediscono il riutilizzo del digestato come ammendante in agricoltura.

 

PROCESSO DI TRATTAMENTO

Per evitare questo problema RecEng con MAVITEC propone una soluzione completa per il conseguimento del risultato di cui sopra:

Recupero FORSU con i sistemi Mavitec Green Energy. 

I rifiuti umidi della FORSU sono prelevati dai box di stoccaggio e vengono raccolti in una tramoggia e convogliati, mediante un sistema a coclee verso il 

Paddle Depacker che, con il suo albero rotante,  separa i prodotti dai materiali estranei. 

LA POLPA

Il materiale organico pulito verrà raccolto sotto il Paddle Depacker  congiuntamente ai resudui eventuali provenienti dagli step opzionali (vedi sotto) e verrà pompato in un serbatoio di stoccaggio o in un camion cisterna, pronto per essere utilizzato in un impianto di biogas. 

Garantiamo la pulizia dell’organico dall’inorganico > del 99,5%.

GLI IMBALLAGGI E MATERIALI ESTRANEI 

Il materiale separato dalla polpa lascia il Paddle Depacker tramite una coclea/ trasportatore e viene collocato in un contenitore o box per per poi essere smaltito.

STEP OPZIONALI

  1. Al fine di ridurre il peso dello smaltito, potrà essere fornita una pressa di disidratazione 
  2. Nel caso in cui si intenda valorizzare gli imballaggi, un tamburo di lavaggio potrà rimuovere anche il residuo organico ancora presente

le fotografie ed i video presenti in questa sezione sono di proprietà Mavitec BV ®per gentile concessione di Mavitec Green Energy

Video